ACSI Firenze, “non lasciateci soli”…

l’Associazione di Cultura Sport e Tempo Libero (ACSI – firenze) lancia l’allarme alle istituzioni locali, “non lasciateci soli”…

FIRENZE – In seguito ai drastici ma necessari provvedimenti del DPCM dell’11 Marzo 2020 che hanno praticamente di fatto “spento” l’Italia, l’Associazione di cultura sport e tempo libero (ACSI) di Firenze sollecita le istituzioni locali a non abbandonare il terzo settore.
“A nome degli oltre quindicimila iscritti e le oltre trentotto ASD e APS affilate mi auguro che Comune di Firenze e Regione ci diano ascolto e sostegno in questo momento drammatico” – ha dichiarato Gino Mauro Vitali, Presidente del comitato metropolitano fiorentino che aggiunge – “Purtroppo gli effetti della crisi sono già evidenti tra tutti gli operatori, pertanto mi auguro risposte immediate da parte delle istituzioni per fronteggiare l’emergenza, come immediata e responsabile è stata la risposta di tutte le nostre Associazioni ai vari appelli delle autorità. Non dimentichiamo il ruolo sociale delle associazioni a tutela del benessere psicofisico ma nello stesso la fatica quotidiana che affrontano anche in condizioni normali.
Le Associazioni – chiude Vitali – danno impiego a migliaia di giovani pertanto auspico che vengano trattate allo stesso modo di tutte le altre attività produttive del paese. Come ACSI Firenze da un lato ci stiamo muovendo per chiedere misure di sostegno, dall’altro continuiamo grazie allo smart–working ad offrire servizi a tutti gli associati nonostante le difficoltà che già da tempo affrontiamo in merito alla nostra sede provinciale in attesa del rinnovo di concessione. Da parte nostra siamo disponibili a collaborare con le istituzioni locali per stabilire velocemente un piano di rilancio serio”.

ACSI FIRENZE Da sempre vicina al mondo associazionistico giovanile attraverso la partecipazione, le iniziative, la rappresentanza e la solidarietà

l’ACSI FIRENZE negli anni ha saputo ritagliarsi un ruolo fondamentale nello scenario sportivo, artistico e culturale della città. Autonoma e pluralista iscritta e riconosciuta dal CONI, oltre ad essere membro effettivo dell’organismo internazionale di sport per tutti CSIT (Confederation Sportive Internationale Du Travail), l’Associazione offre quotidianamente ai propri soci assistenza legale, amministrativa di comunicazione e previdenza grazie ai numerosi servizi che l’hanno resa in questo ultimo decennio punto di riferimento per centinaia di circoli, associazioni, soci e cittadini. Attiva su tutto il territorio provinciale, attualmente vanta circa 15.600 associati, due dipendenti e oltre trenta collaboratori, per un totale di 38 Associazioni di cui

• 15 APS (Associazioni di Promozione Sociale),
• 10 ASD (Associazioni Sportive Dilettantesche)
• 13 BASI (Associazioni Generiche)